Boek nu !

 

   

foto di altri tempi

la Maremma di una volta - buttero con le vacche maremmane ed i vitelli

 
Sono Maremmano da generazioni, amo la mia terra ed attraverso il mio sito turistico sto cercando di farla conoscere il tutto il mondo.

Hanno visitato la Maremma, negli ultimi 5 anni Finlandesi, Danesi, Norvegesi, Svedesi, Cechi e Sloveni oltre che Russi, Americani e Canadasi oltre che Giappone e Corea. Al di là di Francesi, Svizzeri, Tedeschi, Olandesi e tanti altri.
 
Un famoso giornalista francese ha pubblicato vari articoli in Francia definendo la Maremma "le dernier paradis"
 

La Maremma Toscana, considerata un grande Museo Naturale, è ricca di paesaggi, di cultura, di archeologia (gli Etruschi), di arte, con le Terme, il mare pulito, le spiagge incantate e le sue montagne; inoltre si può apprezzare la buona e tradizionale cucina locale ed i prodotti gastronomici. Il clima mite, durante tutto l'arco dell'anno, permette sempre un soggiorno gradevole e rilassante e si può godere della magia delle acque calde naturali (37°) delle "Cascate del Gorello” e delle famose Terme di Saturnia.

La Maremma Toscana offre tale varietà di luoghi, paesaggi ed atmosfere che non è facile descriverle così brevemente. Quando si arriva per la prima volta in Maremma, si nota immediatamente la morbidezza delle colline e del paesaggio e la particolarità della luce e dei colori. La serenità di questo paesaggio contamina rapidamente quelli che l’osservano e questa morbidezza di vivere non vi libererà più durante tutto il vostro soggiorno. Potrete allora decidere di scoprire la storia ancora misteriosa della antica civiltà Etrusca che ha segnato questa Regione di un'impressione indelebile, vi lancerete alla scoperta dei parchi naturali e della loro pace, le spiagge di sabbia fine di Giannella ed Ansedonia, le scogliere di Talamone, Porto Ercole e l’affascinante Isola del Giglio. Infine, soccomberete ad una tentazione golosa di scoprire il patrimonio gastronomico ed enologico della nostra zona.
 

 
Ogni vacanza che deciderete di passare in Maremma sarà diversa e potrà avere un tema ed un itinerario ed ogni volta vi lascerete portare dalle vostre sensazioni del momento. Oltre ai luoghi magici ci sono anche gli abitanti del Maremma che rendono quest'atmosfera così particolare. Duri ma anche sinceri e gioviali, la gente del Maremma vi accompagnerà durante il vostro soggiorno. Vi faranno sentire "a casa", senza ipocrisia né maschera di nessun tipo, in un posto in cui avreste sempre voluto abitare.

La Maremma Toscana si fa riconoscere per la natura selvaggia e un cielo sempre terso che si dilata fino al mare in una spettacolare continuità. Questo cielo fa da contrappunto al giallo delle ginestre, il rosso pompeiano delle tegole dei tetti e l'ocra del tufo.
 
Terra del brigantaggio fra Grosseto e Viterbo, delle riforme agrarie volte alla riqualificazione complessiva dei latifondi, delle storie di butteri impegnati nella salvaguardia della razza Maremmana.

La Maremma dipinta e rappresentata dalla omonima Strada dei Vini, si presenta integra nel suo passato di natura selvaggia e di luogo di cultura e spessore storico. L'Etruria ha infatti lasciato, più di ogni altra epoca, un'impronta permanente in questi luoghi. Terra etrusca, dunque, ma anche di transiti e di colonizzazioni. Di aree un tempo fortemente paludose, ed oggi offerte ad un turismo di largo respiro.
A raccontare la Maremma di una volta rimangono oggi le leggende e le attività di allevamento zootecnico. Un tempo, narrano i canti popolari, addentrarsi nell'aspra Maremma era un insidioso terno al lotto: la "malaria", infatti, diffusissima nella zona, era sempre in agguato. Un ricordo ormai lontano, per questa terra rigogliosa e dal clima mite, definita "nuova frontiera del turismo verde".
 


>> Guarda il video - Amalia Rodriguez canta la famosa "Maremma Amara